Buonanotte sognatori

Stavo passeggiando per le strade di questa città, che è per me un continuo spunto di riflessione.
Una coppia in motorino si è fermata al semaforo rosso. Mi ha fatto voltare verso di loro la risata sonora e di gusto che hanno emesso, mentre la pioggia continuava a bagnarli. Mi ha fatto soffermare su di loro il bacio voluto e necessario che, teneramente, si sono scambiati.
Ho sorriso, continuando a camminare. Erano belli.
Poco più avanti. Altra coppia. Altro semaforo. Scena diversa. Erano a piedi e stavano litigando. Attraversando la strada lei gridava, ma non smetteva di coprirlo con l’ombrello. Attraversando la strada lui gridava, ma non le toglieva la mano dal fondo della schiena.
Ho sorriso, continuando a camminare. Erano belli.
Noi cerchiamo storie d’amore perfette, sogniamo scene da film e il lieto fine, ma l’amore è imperfetto.
L’amore non conosce mezze misure, mostra i nostri poli opposti. Caccia fuori il nostro massimo o il nostro minimo. Il meglio o il peggio. Il marcio o l’incanto.
E l’amore è proprio questo: una persona che, dopo aver preso da te il minimo, il peggio e il marcio, non smette di darti il massimo, il meglio e l’incanto.

Imma Gaglione

arrabbiarsi

Lettere d’amore

Lettera di John Keats a Fanny Brawne

13 ottobre 1819

Mia cara ragazza
In questo momento mi sono messo a copiare dei bei versi. Non riesco a proseguire con una certa soddisfazione. Ti devo dunque scrivere una riga o due per vedere se questo mi assiste nell’allontanarti dalla mia mente anche per un breve momento. Sulla mia anima non riesco a pensare a nient’altro. È passato il tempo in cui avevo il potere di ammonirti contro la poco promettente mattina della mia vita. Il mio amore mi ha reso egoista. Non posso esistere senza di te. Mi scordo di tutto salvo che di vederti ancora la mia vita sembra fermarsi lì non vedo oltre. Mi hai assorbito. In questo preciso momento ho la sensazione di essermi dissolto – sarei profondamente infelice senza la speranza di vederti presto. Sarei spaventato di dovermi allontanare da te. Mia dolce Fanny, cambierà mai il tuo cuore? Amore mio, cambierà? Non ho limiti ora al mio amore… Il tuo biglietto è arrivato proprio qui. Non posso essere felice lontano da te. È più ricco di una nave di perle. Non mi trattare male neanche per scherzo. Mi sono meravigliato che gli uomini possano morire martiri per la loro Religione – Ho avuto un brivido. Ora non rabbrividisco più. Potrei essere un martire per la mia religione – la mia religione è l’amore – potrei morire per questo. Potrei morire per te. Il mio credo è l’amore e tu sei il mio unico dogma. Mi hai incantato con un potere al quale non posso resistere; eppure potevo resistere fino a quando ti vidi; e perfino dopo averti visto ho tentato spesso “di ragionare contro le ragioni del mio amore”. Non posso farlo più – il dolore sarebbe troppo grande. Il mio amore è egoista non posso respirare senza di te.

Tuo per sempre

John Keats

Chissà perché poi l’uomo ha smesso di scrivere lettere.
Trovo un gesto così intimo e profondo mettere su carta le proprie emozioni, che, ora come ora, non mi viene in mente un altro modo per esprimere l’amore.

Imma

Bright-20star-01.19.41

“Ma come parla? Le parole sono importanti.”

Non mi piace fare la moralista, sono per il “vivi e lascia vivere”, ma quando sento certe affermazioni inorridisco e quando noto che la lingua italiana è usata da capre ignoranti mi arrabbio. La prendo davvero a male perché viviamo in un’epoca nella quale, per fortuna, a tutti è consentito di studiare, tutti hanno a disposizione la possibilità di apprendere e di imparare, un lusso, a mio avviso, che prima non c’era.
Il risultato di tutto questo? Nessuno ha più niente da dire. Ci si ritrova in conversazioni sterili, per non dire inesistenti.
E questo è un dramma per una come me, una che è l’eccesso opposto, una che parla troppo.
Finiremo a parlare solo attraverso emoticon, perciò mi viene da lanciare un messaggio: usate le parole, sono gratis. Ok? O forse dovrei dire 😉

Imma

images